INSURREZIONE ARMATA

Categorie: Uncategorized
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: aprile 29, 2012
.

“Essere in Potere operaio voleva dire essere nel gruppo più intelligente e più pensante dell’area extra parlamentare. Eravamo settari, pensavamo di essere quelli che avevano una linea politica mentre gli altri erano offuscati, oscuri.” 
.
L’esperienza di Potere Operaio raccontata attraverso le singole esperienze dei suoi protagonisti, la teoria e la prassi del più avanzato movimento operaista di inizio anni settanta, scomposto e rifratto nel racconto del particulare vissuto da ciascun militante. Sullo sfondo delle figure ieratiche di Toni Negri, Piperno, Scalzone, l’elaborazione teorica, il volantinaggio ai cancelli, la critica del sindacato, la contrapposizione con i marxisti-leninisti e i terzomondisti, il dialogo-discussione con il movimento studentesco e Lotta Continua, le letture di Marx e Mario Tronti, gli agganci con gli ambienti artistici e intelletuali borghesi, le occupazione delle case, il servizio d’ordine, le molotov e il triste sprofondare nella fascinazione per la lotta armata, inevitabile frustazione di un movimento che volle farsi avanguardia di operai, gente comune che al di là delle legittime rivendicazioni di salario e diritti dentro al sistema, al sistema in sè non fu mai veramente antagonista.
.
http://www.anobii.com/ilvignettificio/ 

pagina 1 di 1

Commenti recenti

    Benvenuto , oggi è domenica, aprile 23, 2017