COLAZIONE DA TIFFANY

Categorie: Truman Capote
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: agosto 11, 2010
.

Un libro da leggere a sangue caldo. 
.
Se il film risplende della levigata bellezza di un brano jazz, il libro proietta tutta la sudaticcia carnalità di un brano blues. Quel che nella pellicola era (anche) vista e udito, nel romanzo è (anche) tatto e olfatto.
Procedendo a colpi di pennellate impressionistiche, Truman Capote dipinge uno spaccato iperrealista della vita e della psicologia dei suoi protagonisti. Con una prosa scorrevole, disseminata di indimenticabili similitudini e metafore fulminanti, ci vengono narrate le vicende della “selvaggia e dolcissima” Holly, della sua cerchia (Sally, Mag, Rusty, Joe) e soprattutto “Fred”, alter ego narrante dello stesso scrittore, in una storia che, a differenza del film, non ha il lieto fine.
Storia anomala, carica di significati e al tempo stesso insensata, come è però realmente la vita di ciascuno di noi. Storia perfetta per tutti quelli che sono in grado di apprezzare la selvaggia poesia e il dolcissimo romanticismo nascosti in un pompino.
Un libro da leggere a sangue caldo.
.
http://www.anobii.com/ilvignettificio/ 
.

pagina 1 di 1

Commenti recenti

    Benvenuto , oggi è lunedì, marzo 27, 2017